U GFCA marca u so territoriu

0

 

L’omi di Yan Basny ùn anu micca mancatu u so principiu di stagione. Una bella vittoria 31-26 à La Crau, altra squadra maiò di N2, incù a manera in più. L’occasione, subbitu, per i « rossi è turchini » di stallà si à u capu di u campiunatu. È di  dimustrà dinò, e so ambizione…

U GFCA avia mancatu, da pocu, a cullata in N1 e duie stagione scorse. Pocu impreme, i dirigenti anu torna una volta annunciatu li stessa ambizione per u 2018-2019. È ci vole à ricunnosce ch’è a squadra,ùn hà micca fiascatu u so primu pahandballssu, masimu fora di casa sabbatu dopu meziornu in La Crau, in lotta, cum’è ella, per l’accessione.

Resultatu, una bella vittoria (31-26) è sopratuttu un cuntinutu monda interessante chì pò, dighjà sulcà a stagione chì vene. Una stagione marcata da parechji cambiamenti: Un addestratore novu, Yan Basny, chì cunnosce dighjà a casa per avè purtatu u GFCA da a N1 à a prima divisione à a fine di l’anni novanta, è sei ghjucadori. Dui c’una sperienza maiò (Ludovic Assati, Pau D2) è Emilien Hiele (Dunkerque, D1), l’altri da cunfirmà  ma cù certe qualità. Frà elli, Matteo Gianni, u figliolu di Christophe anzianu ghjucadore, Julien-Boury-Cavalli o Yohan Achard, trè Corsi. In fine, ponu dinò cuntà nantu à Pau Villoria, chì esce da u centru di furmazione di Barcelona. U tuttu intornu à un appoghju di ghjucadori isulani. Prussimu appuntamentu per u Gazelec,sabbatu chì vene di fronte à Château Neuf. In casa sta volta. È per una cunferma…

Partager.

Réagir en direct